Emangiosarcoma epatico in un gatto

 

Gatta comune europea ,eta’ 5 anni ,improvvisa debolezza,vive in casa ,alla visita: mucose pallide,lieve distensione addome ,l’ecografia di base evidenzia emoperitoneo (versamento campionato) e due masse di alcuni centimetri  ipoecogene peritoneali a profilo uniforme avascolari al color doppler , lesioni focali epatiche  alcune molto demarcate ed ecogene altre consistenti in aree piu’ o meno demarcate  con settori ane-ipoecogeni e settori ecogeni   , demarcazione del profilo dei lobi nelle porzioni caudali meno  definito.

Analisi di laboratorio indicano nella serie bianca  una leucocitosi con spostamento a destra e una linfopenia ,la serie rossa indica  anemia moderata con segni deboli o iniziali  di rigenerazione , numerosi RBC nucleati ,linfopenia ,nel profilo biochimico il rimaneggiamento delle transaminasi epatiche e’ veramente minimo ,le proteine seriche sono nei limiti inferiori ,sono assenti marker infiammatori significativi.

emocromo

biochimico

 

 

i201611051721040028

i201611051721040024

i201611051721040027i201611051721040030

Esame Ceus 

sono evidenti lesioni focali avascolari (completa assenza di assunzione di contrasto)   alcune non evidenziate all’esame B mode ,altre francamente ecogene in B mode ,lesioni dunque necrotiche  demarcate  purtroppo neoplastiche altamente suggestive di emangiosarcoma .

Si e’ optato per una laparotomia per la conferma diagnostica   e per la scarsa sensibilita’ della citologia nei sarcomi .

img_20160914_133625

img_20160914_132819

referto-istologico

Osservando il grado di compromissione epatica e le lesioni macroscopiche del soggetto  colpisce come sempre per noi ecografisti  la discrepanza tra imaging e realta’ ,la deformazione del profilo lobare e le lesioni nodulari  esofitiche e disorganizzanti la superficie lobare dell’organo ,non erano poi cosi evidenti all’esame ultrasonografico

La massa compatta ipoecogena in addome era un coagulo di vecchia data  trasformatosi  in una massa fibrosa uniforme e liscia nella superficie esterna .

Comunemente  l’emangiosarcoma felino colpisce  il sottocute  ,dove la chemio abbinata alla chirurgia puo’ dare risultati , anche una milza colpita da una forma basso indice mitotico  merita il trattamento chirurgico e la chemio ,in questo caso , il problema era la non asportabilita’ delle lesioni ,l’indice mitotico basso puo’ spiegare l’evoluzione lenta e il ritrovamento di coaguli organizzati  verosimilmente di vecchia data ,una chemio poteva quindi  essere tentata (per il basso indice delle mitosi) ma  il proprietario non  ha acconsentito e cio’ e’ comprensibile.

La gattina purtroppo e’ deceduta dopo circa due mesi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...