La lesione focale epatica , la ceus,la Tac e il chirurgo .

lesione focale demarcata iperecogena generalmente omogenea
lesione focale demarcata iperecogena generalmente omogenea

 

scansione trasversale
scansione trasversale

Il seguente caso clinico aiuta a capire  le notevoli difficolta’ che si possono avere nell’interpretazione della diagnostica per immagini e nel dare il giusto contributo  in termini di strategie diagnostiche e terapeutiche ai nostri pazienti ,non ultimo deve essere considerato il fattore economico e il rapporto tra le informazioni di cui abbiamo necessariamente bisogno e quelle superflue e del tutto inutili ai fini decisionali  ma sempre molto costose nella nostra medicina privata .

Di fronte ad una lesione focale epatica significativa (dimensioni ,localizzazzione,aspetto,esperienza dell’operatore  ) in un paziente che sta bene asintomatico cosa bisogna fare ?

Questo paziente ha fatto tutto le conclusioni le possiamo condividere

Segnalamento : meticcio taglia media femmina PU PD rialzo transaminasi,positivo allo screening dell’ipercorticosurrenalismo (senza alterazioni delle surrenali)

primo esame ecografico .volume surrenalico nei limiti,morfologia surrenalica rispettata , ,lesione focale epatica  compatta omogenea nei settori di sx altre piu’ piccole lesioni focali meno demarcate e definite sempre nei settori di sx

 

ecografia di secondo livello con CEUS

fase arteriosa isoenanchement

fase portale e tardiva ipoenachemente

 

eseguita citologia epatica le cellule epatiche non evidenziano  malignita’ suggestiva di adenoma /epatoma

primo contraddittorio la ceus denuncia un circolo portale disorganizzato quindi una lesione significativa, maligna in prima ipotesi,  era giusto fare un semplice agoaspirato? non era meglio fare una biopsia? rimanderei le conclusioni a dopo

controllo dopo 4 mesi

la lesione e’ cresciuta, il cane sotto somministrazione di vetoryl e’ migliorato nei sintomi dell’ipercorticosurrenalismo ,bene sul piano generale viene visto solo per un controllo

 

 

 

surrene sx

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I201509260815150027

prescritto esame TAC

sequenza immagini limitata al fegato reni e surreni

le immagini ecografiche rispetto alla tac datano circa 7 mesi prima ,le surrenali sono normali nonostante il test acth sia risultato positivo .all’esame TAC dopo diversi mesi risultano aumentate armonicamente nel volume e si individua un forte sospetto di adenoma ipofisario .

esame TAc

 

sospetto adenoma ipofisario vs. meno probabilmente meningioma della base; intertiziopatia polmonare; lesione espansiva epatica, verosimilmente del lobo laterale sinistro, di sospetta natura neoplastica; lesioni spleniche di natura da definire; iperplasia/ipertrofia delle ghiandole surrenali, bilateralmente; vertebra di transizione del rachide toracico; tenosinovite cronica del muscolo bicipite brachiale di destra.

alcune considerazioni

  1. l’esame tac e’ stato eseguito circa quattro  mesi dopo la prima ecografia che non aveva messo in evidenza aumento del volume surrenalico (vedi immagini)  ma solo la lesione epatica, la presenza di PU PD aveva portato ad  un controllo per l’ ipercorticosurrenalismo  confermato dal test act , in questo caso, si deduce che i sintomi di ipercorticosurrenalismo legati all’adenoma sono comparsi prima delle modificazioni surrenaliche,  quindi in caso di sospetto ,a mio avviso e’ buona norma eseguire  prima il  test di stimolazione  e dopo  L’ECOGRAFIA per tentare una classificazione eziopatogenetica  . La Tac si e’ quindi dimostrata molto valida   in sensibilita’ e specificita’ riguardo la patologia surrenalica in quanto in grado di vedere o fortemente sospettare (ovviamente meno sensibile della RM)  un piccolo adenoma ipofisario e le alterazioni morfovolumetriche della surrenale.
  2.  Nessuna informazione diversa per quello che riguarda l’esame ecografico del fegato e la presa del contrasto  si confermano le lesioni individuate e l’ipoenanchement in fase portale.
  3. la total body permette di escludere metastasi e di avvicinarsi all’interventistica
  4. eseguiti campionamenti istopatologici della lesione epatica TAC guidati

referto istopatologico

considerazioni

sebbene l’esame sia suggestivo di carcinoma epatocellulare tuttavia non si ha la certezza e rimane in diagnosi differenziale l’adenoma dal carcinoma ben differenziato (le cellule sono simili a quelle normali  cambia solo la disorganizzazzione degli spazi portali )

la biopsia in misura senz’altro minore della citologia  non ha potuto dare certezze assolute e rimane ancora il dubbio sulla malignita’ dettaglio fondamentale ai fini prognostici

 

INTERVENTO

lobectomia epatica lobo sx

 

IMG_20160404_131643IMG_20160404_131722_BURST001_COVER (1)

 

 

 

la lesione come si puo’ vedere dalle foto e’ molto deformante il profilo dell’organo e francamente suggestiva di malignita’ l’esame ecografico e la stessa Tac non davano questa impressione  probabilmente la sovrapposizione dei lobi epatici impedisce sia l’esatta localizzazione che la definizione dei profili lobari importanti a mio avviso nella significativita’ di alcune lesioni.

Evidenti focolai necrotici emorragici interni alla lesione che giustificano l’importanza di eseguire piu’ campionamenti per il rischio di campionare tessuto non diagnostico . La ceus eseguita e’ antecedente di circa 7 mesi la lesione asportata ,l’indice mitotico dell’esame istopatologico e’ molto basso la lesione il processo ha avuto una evoluzione molto lenta.

la prima ecografia asse maggiore 3,5 cm

la seconda dopo 2 mesi asse maggiore 4,2 cm

la tac dopo 7 mesi permette misure tridimensionali  5,2 x 9,2 x 4,5 cm (forma piu’ allungata )

 

Il soggetto non ha avuto alcuna complicanza ed e’ stato tenuto in osservazione la notte  solo per prudenza  ,la mattina successiva dimesso.

Il giorno dell’intervento non e’ stato somministrato il vetoryl che ha ripreso regolarmente dopo due giorni .

referto istopatologico

_TEQUILA_Isto_16d1622

conclusioni 

le informazioni della ceus in questo percorso diagnostico sono state molto utili ,semsibili e specifiche nel definire la lesione significativa e fortemente suggestiva di malignita’.

non consiglio dopo un esame ceus fortemente suggestivo di malignita’ l’ago aspirato  meglio eseguire biopsia  e tac insieme con una unica anestesia in questo modo avremo le informazioni piu’ importanti la caratterizzazione della lesione e l’operabilita’ della stessa

la tac non apporta sulle lesioni epatiche altre informazioni semmai le conferma ma ci permette di escludere ovviamente  metastasi

anche in corso di un significativo ipoenhanchemente di una lesione focale epatica la biopsia incisionale con tru cut puo’ non essere in grado di distinguere tra epatocarcinoma ben differenziato ed adenoma (,le cellule sono molto simili cambia la disorganizzazione dello spazio portale ) anche se ,ragionevolmente, si presenta l’adenoma fortemente improbabile.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...